Chi siamo

Informatici Senza Frontiere Logo

Il Festival

Fin dalla sua nascita nel 2015 il Festival Informatici Senza Frontiere è stato un contesto privilegiato di analisi e di confronto su tutti i più importanti temi di attualità dell’economia, della cultura e della società digitali.

Il Festival infatti nasce per sensibilizzare sull’importanza di avere delle tecnologie digitali “sane” e lo fa da un lato mostrando come la tecnologia possa aiutare le persone, dall’altro mostrando quali sono le criticità dell’utilizzo di queste tecnologie.

La tre giorni dell’Innovazione Sociale affronta contenuti cruciali legati all’impatto che l’innovazione ha sulla società e sul suo sviluppo. Per esempio, l’alfabetizzazione informatica in contesti di disagio sociale, la progettazione open source, la tecnologia al servizio dei disabili e degli anziani, la formazione al pensiero computazionale per bambini e ragazzi, la difesa verso il cyberbullismo, l’informatica e la cooperazione allo sviluppo, i pericoli inconsci dei social, le difese dalle fake news e molto altro. 

Con questo scopo ricercatori e scienziate, rappresentanti delle Istituzioni, professori universitari, giornalisti, filosofi e imprenditori, organizzazioni internazionali, personalità del mondo della cultura, dello spettacolo e dello sport, esperti di informatica, docenti e studenti si trovano a Rovereto per l’appuntamento organizzato da Informatici Senza Frontiere, ente no-profit impegnato in progetti di Innovazione Sociale per contrastare il digital divide, in Italia e negli altri Paesi. 

Dal Festival sono emersi spunti e si sono sviluppati progetti che l’Associazione ha realizzato nel tempo grazie anche all’ecosistema di persone che ne condividono missione e valori.

Informatici senza Frontiere

Con 17 anni di attività sul campo, centinaia di soci, 12 sedi regionali ed un importante invito dell’ONU a Ginevra per presentare la propria attività, Informatici Senza Frontiere è l’esempio di come l’informatica possa essere una chiave importante di sviluppo sociale ed economico.
Lo staff è composto da 2 dipendenti, 12 collaboratori, 300 membri ed un centinaio di volontari attivi. L’associazione opera in tre settori: la formazione in Italia e all’estero, la disabilità, la cooperazione allo sviluppo

 

Per la conoscenza

Informatici Senza frontiere organizza corsi di informatica di base e più avanzata, in Italia e nel mondo, gratuitamente, a persone che vivono in condizioni di emarginazione, difficoltà o disagio sociale. Promuove un processo innovativo e partecipativo di avvicinamento alla rete attraverso attività di facilitazione digitale ed incontri sulla navigazione consapevole per ragazzi e genitori.

Realizza aule di informatica in Italia e nel mondo presso università, ospedali e missioni.

Opera in partenariato con scuole, istituzioni, enti pubblici e privati in progetti nazionali ed europei sull’educazione alla cittadinanza globale, la cittadinanza attiva, la povertà educativa, la formazione digitale, l’inclusione sociale, l’economia circolare e la prevenzione dell’odio online.

 

Per lo sviluppo

Informatici Senza Frontiere ha team con competenze multidisciplinari ed un’esperienza, ormai ultradecennale, di progetti informatici nei Paesi in via di sviluppo dove allestisce ed avvia infrastrutture, aule e laboratori informatici. 

Utilizzando software gratuiti, informatizza ospedali ed altre strutture complesse, anche attraverso rapporti di collaborazione con altri enti, associazioni ed ONG.

 

Per la disabilità

Informatici Senza Frontiere lotta ogni giorno per migliorare le condizioni di vita di chi soffre in seguito a disabilità o a malattia attraverso la tecnologia, nella convinzione che la possibilità di comunicare, muoversi e coltivare i propri interessi sia una componente imprescindibile di una vita dignitosa.
Crea applicazioni e software innovativi che mette a disposizione sempre gratuitamente.

 

Visita il sito di Informatici senza Frontiere

Share This